Settore Waste Management

L’Unione Europea ha prodotto oltre 2,5 miliardi di tonnellate di rifiuti. La gestione di tale quantitativo di rifiuti rappresenta una sfida fondamentale per la società europea, per assicurare uno sviluppo economico sostenibile in grado di coniugare la crescita economica degli stati con la conservazione delle risorse naturali, la salute e la sicurezza dei cittadini europei.
I rifiuti rappresentano una importante fonte produzione di gas serra, tra i principali responsabili del riscaldamento globale. Una corretta gestione dei rifiuti garantisce un minore consumo di risorse e contribuisce a ridurre le emissioni inquinanti. La raccolta differenziata, in particolare, consente di eliminare quasi del tutto le emissioni prodotte grazie al riciclaggio e alla digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti, con un costo di abbattimento della CO2 negativo.
Grazie ad una gestione integrata e sempre più efficiente dei rifiuti le emissioni di GHG da parte delle discariche e degli inceneritori in EU-27 sono diminuite del 34% dal 1990, registrando il più alto tasso di riduzione tra tutti i settori che emettono GHG; inoltre si stima che la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani in EU-27 abbia evitato circa 47 milioni di tonnellate di emissioni equivalenti di CO2 nel 2008 contribuendo a ridurre la domanda di materiali vergini quali carta, vetro, plastica, carta in modo significativo.

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

In passato la gestione dei rifiuti consisteva principalmente nelle operazioni di raccolta, selezione, trattamento e conferimento in discarica / incenerimento. Con lo sviluppo della raccolta differenziata si sono affermati il riciclaggio e il riutilizzo, e oggi l’industria legata alla gestione dei rifiuti si sta finalmente focalizzando sulla valorizzazione economica ambientale dei rifiuti. 

 alt

Il trattamento della frazione organica
Le politiche ambientali e il quadro normativo stanno orientando gli operatori del settore verso la scelta di trattare la frazione organica dei rifiuti solidi urbani accoppiando i processi di digestione anaerobica e il compostaggio.
Questa scelta consente di:

  • produrre energia rinnovabile (biogas);
  • trattare tutte le tipologie di rifiuti organici (indipendentemente dall’umidità);
  • evitare emissioni gassose maleodoranti grazie all’utilizzo di reattori chiusi;
  • produrre compost che va opportunamente trattato per i suoi vari impieghi in agricoltura e giardinaggio.

 
La produzione di energia elettrica e calore dalla digestione anaerobica della frazione organica, considerata dal legislatore come biomassa, è stata incentivata in Italia con l’introduzione di tariffe di vendita  dell’energia elettrica convenienti.
 
Il riutilizzo e il riciclaggio dei materiali.
Le attività di riciclaggio e recupero dei materiali, che includono operazioni meccaniche o chimiche per la trasformazione dei rifiuti in materie prime secondarie idonee al reimpiego in altri processi produttivi, costituiscono oggi una fonte di approvvigionamento importante per una parte significativa del sistema industriale: basti pensare che per materiali quali carta, acciaio, piombo, alluminio, la % di materiale utilizzato in nuovi prodotti proveniente dal riciclo è superiore al 50%.

Pillole per dimagrire

pillola dimagrante in farmacia
Il crescente ricorso a tali modalità di gestione dei rifiuti sta trasformando le aziende del settore in vere e proprie aziende manifatturiere, dotate di un loro ciclo produttivo e spesso promotrici di una notevole innovazione tecnologica.
 
L'incenerimento e la termovalorizzazione
Il processo di incenerimento consiste nella termodistruzione dei rifiuti senza alcun recupero di energia mentre la termovalorizzazione prevede la produzione di energia elettrica e calore. Si tratta di modalità di gestione dei rifiuti fortemente diffuse in Europa, che hanno raggiunto una maturità tecnologica tale da garantire una buona resa energetica nel rispetto di standard ambientali elevati. Gli esperti di settore prevedono che, pur in presenza di un crescente ricorso al riutilizzo e al riciclaggio di materiali, una percentuale importante di rifiuti continuerà comunque ad esser gestita da impianti per la produzione di energia elettrica e calore (almeno il 25% dei rifiuti solidi urbani, a cui vanno aggiunti anche alcuni tipi di rifiuti industriali).
 
Il conferimento in discarica
Il conferimento in discarica è stato per molti anni il sistema più utilizzato nella gestione dei rifiuti, ed è tuttora il più diffuso nel nostro paese.
Al semplice conferimento in discarica si è affiancata nel tempo l’estrazione del biogas derivante dalla frazione organica dei rifiuti non differenziati, che viene utilizzato per la produzione di energia elettrica e di calore. Per effetto del crescente ricorso al riutilizzo e al riciclaggio è prevedibile una progressiva riduzione del ricorso al conferimento in discarica, che sarà sempre più circoscritto ai materiali non ulteriormente recuperabili in termini di riutilizzo / riciclaggio o di valorizzazione energetica. 

 
Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Giugno 2017 18:48
 
Biancamano SpA        

P.IVA IT01362020081
REA: 1821458
biancamanospa@legalmail.it

Mappa del sito

Informativa sulla privacy